Rivoluzione e diritto

Rivoluzione e diritto

Tina Achilli

Rivoluzione e diritto

Contro la logica del Diritto e dello Stato

Anno di pubblicazione: 2011
Numero di pagine: 144
ISBN 978-88-6194-113-7 Tipologia

Prezzo

16,00

“Sono un po’ mortificata di essere una donna. Anzi, un po’ mortificata di essere viva… speriamo che dopo morti non ci sia più a di simile.” Argia è la protagonista in “La regina e gli insorti” (1949) di un atto di rivolta estremo: un sacrificio gratuito aperto come un varco dentro l’insensatezza della esperienza. Ma la via di uscita per pareggiare l’oppressione e l’avvilimento non riguarda la sua vita né contiene promesse per quella degli altri. Si affaccia sul a, anche se ha il nome di un Dio imperioso e arbitrario.
Ugo Betti ha salvato nella prostituta l’innocenza che si sorprende a cospetto dell’assurdità degli ordinari rapporti tra gli esseri umani. Anche nella situazione rivoluzionaria, posta al centro dell’opera teatrale in cui risuona la rivoluzione bolscevica, l’impulso individuale alla sopraffazione e al dominio annichila ogni pronuncia a favore del diritto alla giustizia e alla felicità.
La posizione nichilista di Betti ha una origine e una storia. Se si ripercorre, come qui viene fatto, il complesso di idee che risale alla dissertazione di laurea “Il diritto e la rivoluzione” (1914), è possibile comprendere per quali vie filosofiche – il post-hegelismo dell’anarchico Max Stirner contro l’umanesimo marxiano – e attraverso quali contaminazioni – con la cultura scientifica del positivismo – il suo pensiero abbia elaborato una posizione etica e antropologica che esclude la prassi sociale da ogni progetto di un futuro più umano, per accettare una immobile legge naturale che si impone con la forza elementare delle passioni e degli appetiti più abietti o distruttivi del singolo individuo.
Dietro la brutalità dei rapporti di forza nell’ordine sociale occhieggia l’ipocrisia convenzionale che ha bisogno di mascherarli e negarli. Contro questa menzogna agisce la carica di realismo contenuta nella dimensione esistenzialista di Betti: essa denuncia la logica del Diritto e dello Stato a protezione della classe più forte mostrandola nel suo cinismo ineluttabile, senza alcuna copertura retorica. E intanto l’attenzione a tutto ciò che mortifica la libertà e il diritto alla vita dell’individuo inclina verso l’inermità dell’essere vivente e si fa pura protesta contro i sacrifici umani richiesti da una civilizzazione abbandonata a un ingranaggio cieco.

Tina Achilli

Tina Achilli insegna Letteratura teatrale italiana presso la facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli studi di Bari Aldo Moro. I suoi interessi di ricerca si indirizzano sugli accessi alla conoscenza che la forma artistica è in grado di conseguire e sugli aspetti psicologici della simbolizzazione letteraria. Si è occupata di narrativa in epoca fascista ("Le maschere dell'eros", in I best seller del Ventennio, Il regime e il libro di massa, Editori Riuniti, 1991), dei nuovi media elettronici e dello sperimentalismo ultimo Novecento, del prisma femminile nelle rifrazioni della scrittura narrativa e drammaturgica ("Il mito della fascinazione", in Tracce d'infanzia nella letteratura italiana fra Ottocento e Novecento, Liguori, 2000). Con Progedit ha pubblicato Teatro e Futurismo (2005), Mariti e regine. Il gioco violento delle coppie nel teatro di Luigi Pirandello e Dacia Maraini (2007), Rivoluzione e diritto. Libertà e persona nel teatro di Ugo Betti (2011).

Non ci sono eventi legati a questo libro

Non ci sono recensioni legate a questo libro

Non ci sono recensioni degli utenti legate a questo libro

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Rivoluzione e diritto”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al sito
      Calculate Shipping
      Apply Coupon

      Iscriviti alla nostra newsletter

      * Campo obbligatorio
      A che lista desideri iscriverti?