Pubblicit@rte

Pubblicit@rte

Maria Rosaria Dagostino

Pubblicit@rte

Una sfida all’estetica elitaria dell’opera d’arte e all’ostracismo della pubblicità.

Anno di pubblicazione: 2009
Numero di pagine: 136
ISBN 978-88-6194-064-2 Tipologia

Prezzo

16,00

Mentre l’arte pesca negli scenari multimediali e commerciali del contemporaneo, per invocare personali visioni del mondo, cosa resta dell’antica questione tra arte nobile e pubblicità triviale? Uno spazio bianco da riempire con nuove letterature, rivalorizzazioni e iconografismi nel segno della reciprocità. Questo lavoro si pone al crocevia di pregiudizi e secolari tensioni nei confronti dell’arte e della pubblicità portando esempi di ibridazioni artistiche storiche come l’esperienza dei cartellonisti del Novecento fino alla Pop Art, ma anche sperimentazioni contemporanee di artisti che invadono lo spazio pubblicitario, spingendosi a visioni post-classificatorie come la pubblicità non convenzionale che coopta correnti artistiche quali l’Happening, la Body Art, il Graffittismo, o ancora la pubblicità concettuale come arte di una pubblicità caratterizzata dall’uso dei supporti multimediali. L’attenzione socio-semiotica alle produzioni artistiche d’avanguardia e la loro rivisitazione pubblicitaria mostrerà come la distinzione tra queste due pratiche sia una mise-en-scène di sistemi di classificazioni e non il risultato di differenti proprietà intrinseche. La sfida all’estetica elitaria dell’opera d’arte e all’ostracismo della pubblicità può far ordine nel panorama della nuova ecologia culturale e iconografica e riscrivere il rapporto tra due arti tradizionalmente “separate in casa”, in una nuova pratica di scrittura socio-semiotica: la pubblicit@rte.

Maria Rosaria Dagostino

Maria Rosaria Dagostino è dottore di ricerca in Teoria del linguaggio e scienze dei segni. Insegna Sociolinguistica nel Corso di laurea in Scienze della comunicazione, Università di Bari, sede di Taranto, e collabora con il Dipartimento di Pratiche Linguistiche e Analisi di Testi dell'Università di Bari. Ha tradotto Il sogno di butterfly di Rey Chow (2003), e curato, di R. Chow, Il mondo nel mirino (2007). Tra le sue recenti pubblicazioni Cito dunque creo (2006), finalista al Premio Nazionale della Comunicazione di Castiglioncello (2006). Per Progedit ha scritto Pubblicit@arte. Segni e visioni (200) e ha curato, insieme a Patrizia Calefato, Il piacere del ritorno. Citazione, arti visive, comunicazione (2007).

Non ci sono eventi legati a questo libro
Non ci sono recensioni legate a questo libro
Non ci sono recensioni degli utenti legate a questo libro

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pubblicit@rte”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al sito
      Calculate Shipping
      Apply Coupon

      Iscriviti alla nostra newsletter

      * Campo obbligatorio
      A che lista desideri iscriverti?