Cerca
Generic filters

Largo Gelso n. 21

Largo Gelso n. 21

Riccardo Di Leva

Largo Gelso n. 21

La storia di un paese un po’ atipico rispetto allo stereotipo dei piccoli centri del Sud Italia.

Collana: Lunari
Anno di pubblicazione: 2016
Numero di pagine: 232
ISBN 978-88-6194-292-9 Tipologia

Prezzo

18,00

La storia di Polignano a Mare, piccolo paesino del profondo Sud d’Italia in provincia di Bari, è raccontata attraverso la voce narrante del protagonista.
Figlio di padre napoletano e di madre polignanese, Riccardo muove dal ricordo dei suoi genitori per introdurre gradualmente il lettore alle vicende di una parte d’Italia che, nell’immediato dopoguerra, si scopre pervasa da una voglia di rinascita senza, però, rinunciare ai propri usi e costumi.
La storia si snoda per le vie di un paese un po’ atipico rispetto allo stereotipo dei piccoli centri del Sud Italia, scandito dal susseguirsi di tanti piccoli e significativi momenti di vita nei quali si innestano personaggi reali o immaginari. Con le loro vicende e i loro dialoghi (spesso dialettali), conducono il lettore alla conoscenza degli umori e delle abitudini della popolazione locale.
Man mano che il protagonista cresce, la trama del libro si innesta nei nuovi momenti storici, impreziosendo il racconto con gli eventi più importanti e significativi accaduti in quegli anni nel piccolo paese.
La storia si conclude alla fine degli anni Settanta quando Riccardo, all’età di diciannove anni, consegue il diploma di maturità e, con una certa apprensione, fa il suo ingresso ufficiale nel mondo degli adulti.

Riccardo Di Leva

Riccardo Di Leva nasce a Polignano a Mare (Ba) il 7 gennaio 1961, si diploma al Liceo Scientifico Sante Simone di Conversano e, successivamente, si laurea in Geologia presso l’Università degli studi di Bari. Impiegato presso l’Agenzia delle Entrate, non tralascia la passione per le scienze in generale, intrattenendo una collaborazione attiva da vent’anni con il gruppo editoriale Umanesimo della Pietra di Martina Franca, sulle cui riviste “Riflessioni” e “Verde” pubblica numerosi articoli scientifici di carattere geologico. Attiva anche la sua partecipazione a convegni e conferenze in qualità di divulgatore scientifico-ambientale, come pure la disponibilità verso le attività didattiche delle scuole. Largo Gelso n. 21 è stato il suo primo romanzo, pubblicato nel 2016 per Progedit, seguito da Nati sotto il segno del riccio (2017).

  • Recensione di Mario a “Largo Gelso n. 2

    17 Dicembre 2019

    Mi è piaciuto. Un libro che si legge d’un fiato e che quando lo finisci vorresti ci fosse un seguito. Spero che ci sia.

  • Recensione di Salvatore a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Leggendo il libro di Riccardo mi sono ricordato di tanti momenti vissuti nel mio paese in Basilicata, ed è stato come tornare indietro nel tempo. L’ho trovato molto piacevole veramente. E mi sono divertito anche a leggere le parole in dialetto, cercando di capire cosa volessero dire senza andare subito alla traduzione ma per la verità senza riuscirci molto.

  • Recensione di Vilma a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Caro Riccardo, ho finito da 2 minuti di leggere il tuo libro. Mi è piaciuto tanto. La tua vita da ragazzo mi ha fatto ricordare la mia. In alcuni momenti è stata simile, come per l’esperienza teatrale e musicale. Credo che tu abbia fatto bene a scriverlo e non solo perchè “Rompi le balle a tutto il mondo”, ma perchè hai un modo di raccontare i fatti fresco e giovanile. Bella l’ultima parte, quella degli esami di Stato e l’ideazione del tema. Belli anche i personaggi caratteristici di Polignano. Complimenti Riccardo e quando vorrai scrivere ancora, ricordati che ti leggerò volentieri.

  • Recensione di Margherita a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Io no sono italiana e sto qui in Puglia per lavoro e ho leto il libro perché devo imparare a parlare e una amica mi ha detto di leggere questo. Ho fatto bene!!! è facile a leggere e bello. Bravo Ricardo

  • Recensione di Giuseppe a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Devo dire che questo libro lo leggo con interesse e piacere. Mi piace il suo ritmo lento, che asseconda i ricordi e le atmosfere che evoca e, in fondo, rispecchia il modo in cui si viveva allora. Ho scoperto tanti modi di dire che furono i miei e ormai sono desueti, tanti giochi di ragazzi del mio paese, tante affinità con il mio modo di pensare sull’educazione dei ragazzi che dette ora sembrano bestemmie.
    Non so se altri possano condividerlo ma il valore del libro sta proprio nella sua possibilità che ciascuno riviva attraverso di esso le sue esperienze giovanili, il rapporto con i genitori e parenti etc., che sono simili nel significato pur cambiando gli episodi. Sono istantanee della sua vita che sembravano perse e rivivono in modo del tutto inaspettato. Io non avevo il gelso, ma insieme ai miei amici avevamo un enorme carrubo su cui ci arrampicavamo e ne avevamo fatto il nostro rifugio. Ma in qualche giardino c’erano i gelsi e quando la vicina di casa ci portava un cesto di gelsi rossi era come far parte dell’Eden.

     

  • Recensione di Battista a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Non leggo molto ma questo libro mi è piaciuto.

  • Recensione di Francesco a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Fin dalle prime pagine emerge un amore epidermico, quasi embrionale verso un paese comune a molti di noi. Dopo le prime pagine il libro mi ha rapito e la lettura è andata avanti da sola. Un buon libro veramente.

  • Recensione di Gianni a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Mi piace, peccato solo che finisce subito. Spero ci sia un seguito. E lo vedrei bene in televisione o al cinema come film, magari diretto da Gabriele Salvatores, da Paolo Virzì o da Sergio Rubini.

  • Recensione di Marisa a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Bello, bello bello! Mi è piaciuto.

  • Recensione di Nella a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    E’ un libro che prende e lo leggi senza pause. Ma ci sarà un seguito? Spero di sì.

  • Recensione di Enza a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Finalmente un libro che non ti annoia! Ma perché gli altri non scrivono così? Mi è piaciuto tantissimo.

  • Recensione di Myriam a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    L’ho letto volentieri ma l’ho riletto ancora più volentieri. La storia di Polignano a Mare, la scuola, la lingua, le tradizioni, i giochi, la famiglia, le relazioni sociali sono sapientemente intrecciati da un Autore al suo primo romanzo che fa commuovere, intenerire, sorridere e arricchire. Sarebbe utile nelle scuole. Sicuramente ne verrebbe un bel film. Attendo la seconda parte.

  • Recensione di Donato a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Sono circa a metà del tuo libro e sono piacevolmente impressionato dalla tua memoria nel descrivere particolari di date lontane. Piacevole anche la stesura e per uno che conosce i luoghi, come me, è come vedere un film. Credo che abbia ragione il tuo editore, hai tutte le carte in regola per continuare questa avventura. Complimenti vivissimi, la lettura è piacevole, fresca e frizzante.

     

  • Recensione di Riccardo a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Un bel libro davvero. Insolito e divertente e fa ricordare. Si dovrebbe fare un film.

  • Recensione di Maria a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Libro molto bello, si legge senza pause perchè si vuole sempre sapere come finisce e come inizia la storia successiva. Complimenti.

  • Recensione di Pina Palmisano a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Ho finito di leggere il libro…. troppo bello, avvincente, divertente. Un tuffo nel passato. Resto in attesa del seguito della storia.

  • Recensione di Angela Maria a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Libro molto bello, da consigliare nelle scuole.

  • Recensione di Andrea a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Libro piacevole, lettura scorrevole. Mi è piaciuta tantissimo la prima parte. Merita di essere letto.

  • Recensione di Michela a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Bel libro davvero. Mi ha fatto sorridere e ricordare la mia adolescenza a Francavilla Fontana.

  • Recensione di Angelo a “Largo Gelso n. 21”

    17 Dicembre 2019

    Noi che abbiamo vissuto quegli anni da protagonisti ci riconosciamo con nostalgia in questo libro scritto con grande maestria. La lettura ti prende e non ti lascia finché non lo hai finito.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Largo Gelso n. 21”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Per favore, seleziona la lista a cui ti vuoi iscrivere:
   Annulla l’iscrizione