Cerca
Generic filters

Pedagogia dei contesti Quaderni di «Metis» 6

Pedagogia dei contesti Quaderni di «Metis» 6

A cura di: Daniela Dato, Giuseppe Annacontini

Pedagogia dei contesti Quaderni di «Metis» 6

Dove abita la pedagogia?

Anno di pubblicazione: 2020
Numero di pagine: 156
ISBN 978-88-6194-458-9 Categorie , Tag

Prezzo

18,00

Dove abita la pedagogia? Quali sono gli spazi in cui essa può concretizzare la sua pratticità? In un’epoca in cui appare acclarato come l’apprendimento sia un processo continuo che accompagna uomini e donne per tutto il corso della vita, che coinvolge le loro dimensioni bio-psico-sociali, che si realizza diffusamente in tutti i luoghi attraversati, occorre riflettere e forse ancora sdoganare un diffuso senso comune che continua ad associare le teorie e le prassi pedagogiche ai ruoli formali dell’apprendimento. Una prima risposta può essere una Pedagogia dei contesti che si definisca come approccio analitico e riflessivo, atto a far fronte alle emergenze e ai bisogni formativi legati ai molteplici luoghi della vita; traducendo, concretamente, idee e concetti della pedagogia generale in alcune diverse declinazioni connesse ai campi dell’esperienza di crescita umana, quali, come nel caso del presente lavoro, la famiglia, il nido, i mass media, il lavoro, il teatro, il carcere, la strada, la città.

Daniela Dato

Daniela Dato è ricercatrice di Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia, dove insegna Pedagogia del lavoro. Da anni approfondisce il tema delle competenze emotive nei molteplici tempi e luoghi della formazione e il ruolo che queste ultime possono rivestire nella formazione di professionalità efficaci dotate di formae mentis creative, flessibili e progettuali. Tra le sue pubblicazioni si segnalano: Pedagogia del lavoro intangibile (Milano 2009), Professionalità in movimento (Milano 2014). Per Progedit ricordiamo L’insegnante emotivo (2019); con Severo Cardone e Francesco Mansolillo Pedagogia per l’impresa (2016); la cura del volume La sfida dell’inclusione (2013) e, con Isabella Loiodice, di Orientare per formare (2015).

Giuseppe Annacontini

Giuseppe Annacontini è professore associato di Pedagogia generale e sociale presso il Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento. Si interessa di pedagogia convivialista, deontologia, educazione alla salute e promozione del benessere a partire da un approccio complesso e problematicista. Autore di numerosi saggi, articoli e volumi tra i quali: Dalla mano al pensiero (Lecce 2012); Pedagogia dal sottosuolo. Teoria critica e linee metodologiche (Torino 2014); con José Luis Rodríguez-Illera, La mossa del gambero. Teorie, metodi e contesti di pratica narrativa (Milano 2018). Per Progedit ricordiamo, Lo sguardo e la parola. Etnografia, cura e formazione (2010), la cura di Senza carro armato, né fucile. Libertà, resistenza, formazione di Jolanta U. Grębowiec Baffoni (2011), Imparare a essere forti. Segnavia di pedagogia della salute per pensare la relazione di cura (2019); con Rosa Gallelli, Formare altre(i)menti (2014); con Isabella Loiodice, Pedagogie meridiane (2017).

Non ci sono eventi legati a questo libro

Non ci sono recensioni legate a questo libro

Non ci sono recensioni degli utenti legate a questo libro

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pedagogia dei contesti Quaderni di «Metis» 6”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Per favore, seleziona la lista a cui ti vuoi iscrivere:
   Annulla l’iscrizione