Cerca
Generic filters

L’opera che brucia

L’opera che brucia

Gianpaolo Altamura

L’opera che brucia

“Petrolio” è un libro bulimico e iperletterario che fagocita assieme i classici della letteratura e le ricostruzioni giornalistiche più borderline per allestire un moderno “poema sul potere” nel Belpaese.

Collana: Letterature
Anno di pubblicazione: 2014
Numero di pagine: 132
ISBN 978-88-6194-208-0 Tipologia Tag ,

Prezzo

16,00

Uscito incompiuto a quindici anni dalla morte di Pasolini, “Petrolio” è un libro bulimico e iperletterario che fagocita assieme i classici della letteratura di ogni tempo e le ricostruzioni giornalistiche più borderline allo scopo di allestire un moderno “poema sul potere”, un’allegoria delle intricate trame tra politica, finanza e criminalità nel Belpaese.
Ne vien fuori un “qualcosa di scritto” che, atteggiandosi al modello medievale del palinsesto, ha come unico punto di riferimento l’inconfondibile voce del “corsaro”, il quale, forte del suo proverbiale genio polemico e “decostruente”, promuove una frenetica opera di riscrittura che innerva il libro su più livelli, da quello metanarrativo a quello intertestuale. S’instaura in questo modo un canone parodico e a-convenzionale che mette in crisi la logica “neoedonistica” della pièce bien faite mediante la “rivoluzione permanente” della forma.
“Petrolio” è una scrittura inquieta e sognante, animata da una intelligenza luciferina che trascende tutti i modelli che sceglie di imitare e deroga sistematicamente da quelle stesse norme che seguita con ostinazione a istituire, quasi cercasse scientemente di disinnescare tutti i possibili letterari, estendendo così la pasoliniana lotta contro l’omologazione culturale a un dominio squisitamente artistico e informale. Questo inaudito sacrificio di segni, tuttavia, non è affatto una vana esibizione di pur ragguardevoli abilità critiche o manieristiche: piuttosto è un tentativo estremo e quasi luddistico da parte di Pasolini di sabotare la macchinale autonomia estetico-formale che l’opera letteraria rischia di acquisire nell’età delle merci.

Gianpaolo Altamura

Gianpaolo Altamura ha conseguito un dottorato in Teoria del linguaggio e scienze dei segni ed è stato titolare di un assegno di ricerca in Letteratura italiana contemporanea presso l’Università degli studi di Bari Aldo Moro. È autore di numerosi saggi letterari, in particolare sulla figura di Pier Paolo Pasolini e di Sandro Penna. Attualmente è docente a contratto in Spettacolo e comunicazione presso la Facoltà di Scienze della comunicazione a Taranto.

Non ci sono recensioni degli utenti legate a questo libro

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’opera che brucia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Per favore, seleziona la lista a cui ti vuoi iscrivere:
   Annulla l’iscrizione