Non sei registrato? Password dimenticata?


Dicono di noi

Il pirata Capitan Calamaio: un libro per amare i libri


Venerdì 18 Ottobre 2013

Capitan Calamaio è un pirata con la passione per i libri e l’arte. A bordo della Pergamena, solca i Mari della Conoscenza, accompagnato dalla sua fedele ciurma: il nostromo è il raffinato musicista Inchiostro; i timonieri, geniali inventori e amanti della scultura, sono i gemelli Biro e Stilo; in cambusa comanda la bella danzatrice Penna e sul pennone più alto, di vedetta, troviamo il piccolo Pennino che sogna di fare l’attore.

A raccontarne la storia è il libro per ragazzi “Capitan Calamaio e il Libro Magico” (Progedit) scritta da Massimiliano Micheli. A dare colore alla storia è Lenina Giunta, che ha illustrato la simpatica ciurma e il suo capitano che hanno giurato di rinunciare alle armi e alla violenza e combattono con le parole per dimostrare che la penna è più forte della spada.


Nei Mari della Conoscenza un’isola galleggiante che si sposta seguendo la corrente, l’Isola del Sapere, custodisce la Leggendaria Biblioteca.
Capitan Calamaio riesce a raggiungerla guidato dal delfino Diapason, amico della principessa Acquerella che, custode e unica abitante dell’isola, passa le sue giornate a dipingere.
Acquerella gli affida l’incarico di divulgare la cultura esportando in giro per il mondo i libri custoditi nella Leggendaria Biblioteca. 
La missione di Calamaio è però minacciata da un misterioso nemico: il feroce Capitan Macero, che cerca l’isola per distruggerla poiché ha giurato al mondo di bruciare tutti i libri e ogni forma d’arte che troverà sul suo cammino. 
Sarà la pappacornacchia Petra ad aiutare Calamaio svelandogli il segreto del Libro Magico, dal quale dipendono le sorti dell’isola e dei suoi tesori.

 

Massimiliano Micheli, Lenina Giunta

Capitan Calamaio

e il Libro Magico

La penna è più forte della spada? Non accade nel reale, qualche volta può succedere nei sogni, molto spesso nei libri. In viaggio con Capitan Calamaio e la sua ciurma.

Leggi la scheda Acquista