Cerca
Generic filters

Tacco 12. In bilico sulla vita

Tacco 12. In bilico sulla vita

Ciò che colpisce subito del bel romanzo di Anna Conte “Tacco12” è l’immediatezza del messaggio che arriva al lettore: la vita è bella e va vissuta appieno nei suoi alti e nei suoi bassi, anzi, forse proprio in questi maggiormente, poiché sono anche le avversità e i problemi a dare il senso alla vita.

Anna scrive, in una sorta di diario rivolto alla figlia, delle sue vicissitudini e di come, spesso d’improvviso, tutto o almeno molte cose cambino e come l’individuo sia costretto a cambiare con loro. Ma non c’è ombra di autocommiserazione nel narrare; la protagonista, che è anche l’io narrante della storia, riesce sempre, con la forza e il sorriso, a trasformare i toni grigi in tonalità accese, che celebrano naturalmente la vita.

Così, la malattia che irrompe, i problemi personali e le difficoltà amorose vengono raccontate con semplicità e trasparenza, messe in piazza, per così dire, in maniera liberatoria.

E la piazza è quella di un bel paese della Basilicata, Latronico, che anche io conosco bene per avervi trascorso alcune estati di qualche anno fa. Una piazza circondata da strade in salita e discesa, metafora, se vogliamo, dei sentieri spesso distorti dell’esistenza, che Anna narra con piglio vivace e a tratti venato di humor.

Si esce rinfrancati da questa lettura, l’immagine di Anna e del suo percorso coraggioso e ricco di eventi si offre al lettore come un’immagine di speranza, energia e voglia di guardare sempre avanti, perché il passato esiste soltanto se vogliamo fermarci a guardarlo, altrimenti scompare, portato via da nuovi sogni e destinazioni.

Iole Troccoli
http://www.italiauomoambiente.it/?p=1632

Iscriviti alla nostra newsletter

* Campo obbligatorio
A che lista desideri iscriverti?