Viaggio nella masseria delle cinquanta lune

Viaggio nella masseria delle cinquanta lune

Il passato, secondo Alberto Moravia, è una serie di cose e di fatalità che finiscono per affiorare, in altre forme, nel presente. Per Piero Fabris, invece, è il pretesto per riprendere il filo della propria esistenza e restituirla al canovaccio delle relazioni umane.
È un viaggio verso la luce e in se stesso, ma è anche un viaggio alla scoperta delle bellezze e dei sapori di questa terra. Questa volta, per la serie Romanzi Progedit, ha pubblicato “La Masseria delle cinquanta lune” (pagg. 200 – € 20).
Il giovane protagonista Nisio, decide di tornare alla masseria delle cinquanta lune, in Puglia, ove ha trascorso lunghi periodi della sua infanzia, ritorno che gli dà l’occasione per ritornare in Puglia per affrontare molti nodi irrisolti del suo passato, comprendere i propri genitori e riscoprire la cultura contadina che con i suoi riti e tradizioni affondano le radici nelle antiche sere dei ricordi.
Tutte le vicende di Nisio si svolgono con lo sfondo della nostra bella Puglia con i suoi profumi, i suoi sentieri, le sue masserie, i sudori dei suoi contadini e le sue inconfondibili bellezze naturali, il tutto sotto l’assiduo rincorrersi del sole e della luna.
L’autore cavalca con la sua fantasia tradizioni e cultura contadina della Puglia, come in un’altalena tra vecchio e nuovo, attingendo alle bellezze della nostra terra con i suoi sapori ed essenze. Insomma un omaggio a tutti gli artisti che hanno con le loro opere condiviso e immortalato la Magia di una terra aspra e profonda, capace di mettere l’uomo davanti alle proprie nudità.
Piero Fabris, pittore, poeta e prolifico scrittore, trasferisce nella sua produzione il frutto delle sue ricerche appassionate nel campo dei simboli e delle favole e leggende del territorio pugliese. Fabris è anche un estimatore di Hrand Nazariantz al quale ha dedicato il testo teatrale “Rosa Hrand…agio”. Mi piace ricordare anche il romanzo “La Rosa dei venti e il segreto del Monte Rosso” (Gelsorosso Editore), il cui protagonista, il principe-fabbro Voluandro, lasciando alle spalle il freddo e il buio delle regioni del Nord d’Europa, compie un viaggio il cui approdo è la Puglia. È un viaggio verso la luce e in se stesso, ma è anche un viaggio alla scoperta delle bellezze e dei sapori della nostra terra.

Data: giovedì 2 Maggio 2013
Fonte:
www.giornaledipuglia.com
Autore:
Vittorio Polito
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al sito
      Calculate Shipping
      Apply Coupon

      Iscriviti alla nostra newsletter

      * Campo obbligatorio
      A che lista desideri iscriverti?